domenica 5 settembre 2010

I COMPAGNI DEL PD (La Sveglia 25.08.10)

Una volta si diceva Cari compagni ogni volta che s’iniziava un dibattito o si scriveva una lettera, oggi i dibattiti e le lettere iniziano in altro modo.
Una volta i compagni erano i comunisti, oggi i comunisti, secondo Berlusconi, sono tutti quelli che gli sono contro.
Oggi gran parte di questi compagni sono finiti nel grande PD insieme a molti che una volta erano democristiani e che sono rimasti anticomunisti.
C’é qualcosa che non funziona in questa transumanza politica, credo.
Ad Ortona, poco prima della nascita del PD, i compagni, allora DS, erano già agli sgoccioli della loro evoluzione politica. Con la nascita del PD si é asciutta anche l’ultima goccia. Infatti quest’unione ne ha sancito la scomparsa ufficiale, la parte democristiana ha assorbito anche quest’ultima goccia.
Ad Ortona il leader del PD é un democristiano che lega la famiglia naturale alla famiglia politica, il candidato Sindaco é democristiano, il segretario del partito é democristiano e funge anche da capogruppo di fatto in Consiglio comunale, i consiglieri comunali tutti democristiani. I principali dirigenti: democristiani. Anche il cassiere, per sicurezza, é democristiano.
E così, i vecchi contadini dalle mani callose che ci accoglievano felici di ricevere la visita del Partito in tempo d’elezioni, orgogliosi di farci provare il loro vino, ansiosi di sapere per chi dovessero votare, loro che votavono comunista ancor prima che io nascessi, oggi sono invitati a votare per un anticomunista.
E’ vero che il mondo é cambiato, ma é anche vero che é cambiato solo da una parte, l’altra é rimasta uguale.
Fraterni saluti, come si diceva una volta.

Gianni di Gregorio

43 commenti:

Andrea Fiamma ha detto...

Scusa eh, ma mi metti su un'idea come Patto per Ortona, dove - dici - destra e sinistra non contano, dove si guarda oltre alle vecchie questioni e ora torni a parla in questo modo di democristiani e comunisti? MMM qualcosa non va....

Gianni di Gregorio ha detto...

Sono due cose completamente diverse. Il post é una riflessione sulla composizione politica del PD che io ho sempre criticato, anche se l’idea di un partito diciamo “socialdemocratico” non é malvagia ed esiste in altri Paesi d’Europa da tanti anni. Questo errore risalta ancor di più nel caso di Ortona (probabilmente ci saranno altri casi in Italia) per le ragioni che ho descritto. E’ un peccato perché questo atteggiamenti alla fine avvantaggiano alcuni ma limitano molto la crescita del partito.
Due fatti sono certi: Molti ex PCI non votano PD e moltissimi ex DC sono anticomunisti ancora oggi. E’ quì che qualcosa non funziona ! ! !
PATTO per ORTONA é semplicemente un gruppo di brave persone che vogliono fare qualcosa per la loro città. Anzi ti dirò di più: ho lanciato l’idea (oggi su LA SVEGLIA) di una terza alternativa oltre il bipolarismo e sembra che si possa fare considerando la risposta avuta finora. Come sai é un mio progetto già di molti mesi fa, ora si sta concretizzando e suppongo che vedrà la luce ufficialmente tra qualche settimana.
Infine fammi sapere come ti ha accolta la grande Germania.

Andrea Fiamma ha detto...

Certo che sono due cose diverse (lo spero!), però continuo a non capire perchè ti piace concentrati sul PD. Dopotutto, che ti frega: han la testa dura e cuoceranno nel loro brodo, tu piuttosto - che hai fondato un nuovo partito - cosa proponi? Su, voglio vedere post con la mentalità che vada veramente oltre le divisioni, perchè post come questo servono solo a reiterare un canto del cigno già celebrato oramai 3 anni fa. E poi svelaci qualche altro nome. :D

La grande germania mi ha accolto divinamente, qui si sta benissimo e ci rimarrei a lungo. Ma tranquillo, prima o poi tornerò, non voglio fare questo grande favore a te e ai miei detrattori eheh

un caro saluto
Tschüß

Gianni di Gregorio ha detto...

Cerca di tornare per le elezioni, l'UDC ha bisogno di te.

Leggerai tutto a suo tempo su METROPOLIS. Klatsch !

Anonimo ha detto...

L' UDC......

Andrea Fiamma ha detto...

Bisogno di me? ahaha divertente questa ;)

Anonimo ha detto...

occhio Fiamma che alle prossime comunali l'Udc va insieme al Pd....

Andrea Fiamma ha detto...

Mi spiace per loro, ho molti amici nell'UDC e non vorrei vederli fare la scelta sbagliata. :)

Marco Di Sciullo ha detto...

Caro Andrea,intanto ti saluto con affetto sapendoti nella lontana Germania. Poi ,tornado alle cose del nostro paesello, vorrei capire perchè, ad esempio, non sarebbe una buona eventualità una intesa PD - UDC per le prossime amministrative.
Sono due partiti che attualmente sono all'opposizione del governo di destra. Ambedue su molti temi fondamentali sono sulle stesse posizioni. Ad Ortona, ad esempio, mi sembra che anche sul piano personale non esistono contrasti tra i due partiti, mentre ci sono su molte questioni e valutazioni molte assonanze.
Molti concittadini compreso il sottoscritto sarebbero felici di partecipare ad una coalizione di questo tipo. Anzi ti dirò di più ; personalmente sono convinto che una coalizione così formata avrebbe concrete possibilità di successo. Certo molto importante sarebbe mettere in campo un buon programma ed una squadra di amici onesti, competenti e con tanta voglia di mettersi al servizio della città.
Su un progetto e su una coalizione di questo tipo sarei personalmente, da subito,disponibile ad impegnarmi a qualsiasi livello.
Poi, detto all'Amico Andrea, sarei felicissimo di lavorare con Te e persone come Te.
Un abbraccio fraterno.

Gianni di Gregorio ha detto...

E vai !
PD + UDC, l’accoppiata perfetta. Perfetta per perdere.
Se non dovessero bastare i voti si può aggiungere PdCI + RC + SEL.
E se proprio dovesse mancare ancora qualcosina si può sempre fare uno squillo all’Unione Monarchica Italiana, Alleanza per l’Italia, Partito Pensionati e Movimento Repubblicani Europei. Gli ultimi 100 voti, eventualmente, senza problemi, potrebbero venire dal buon Remo.
Manca solo Il Candidato.

Marco Di Sciullo ha detto...

bOOOH! Gianni, non capisco la tua reazione.
Cosa c'è di tanto strano ? Il PD e l'UDC , a mio avviso , potrebbero insieme ben governare la nostra città e non solo.
E' vero che questa posizione, la mia, forse è largamente minoritaria sia nel PD, sia nel centro-sinistra e forse anche nell'UDC ma ciò non mi sconvolge. La politica è in movimento e i partiti moderati e le persone perbene prima o poi si incontrano.
Io non credo alle ammucchiate fatte per vincere le elezioni . Noi le abbiamo già sperimentate e ,purtroppo, molto negativamente(vedi governo Prodi).
Per me l'obiettivo è "vincere per governare bene" e sono certo che con gli amici dell'UDC o Terzo polo che sta nascendo questo sia senz'altro possibile.

Gianni di Gregorio ha detto...

Niente di personale, ovviamente.
Era solo un commento scherzoso per sottolineare l’impossibilità dell’operazione politica.
Certamente in politica le variabili sono moltissime, però alla fine ci sono i numeri da far quadrare.
Sul terzo polo nazionale, personalmente, ho molte riserve indipendentemente dalle persone che lo rappresentano localmente, ma la mia opinione naturalmente non é l’ultima parola.
Secondo me ci sono alleanze molto più sostanziose e verificabili.
Infine, secondo me Fiamma non sarà mai dell’UDC, é troppo di destra. Potrebbe essere un buon rappresentante ortonese di Fini.

Marco Di Sciullo ha detto...

Non importa se Andrea sta con l'UDC, con il terzo polo, o con Fini per me è una gran bella persona , con un buon cervello e soprattutto portatore di valori ,per me, certamente condivisibili.
Benvengano in politica persone con queste caratteristiche ; con loro è possibile portare avanti una amministrazione efficiente, solidale , onesta e trasparente.

Andrea Fiamma ha detto...

Caro Marco,
grazie per le belle parole, che considero tuttavia generose. Non posso che confermarti quanto detto a voce giorni fa: anche a me piacerebbe moltissimo "lavorare" con te e con altre persone aperte, intelligenti e con grandi valori morali. Persone che, sono convinto, sono anche nel PD così come in tanti altri partiti a me lontani per convinzioni e metodologie. Ecco perchè quando parlavo di scelta sbagliata non mi riferivo invero ad una coalizione teorica formata dall'UDC e dal PD, ma pensavo a questo PD e a questo UDC. Vedi, non vorrei ora trattare del PD sia perchè ho poco interesse sia perchè oramai è consuetudine che ad ogni mia parola sul PD corrisponda una minaccia di denuncia o una piazzata in consiglio comunale; devo dire tuttavia le cose come le penso, sia perchè lo devo a te e alla tua gentilezza sia perchè è bene sciogliere questo nodo delle alleanze. Una alleanza, come giustamente scriveva Gianni - che ringrazio per la collocazione tra i finiani eheh -, si crea sulla base di alcuni punti programmatici e sulla base della fiducia sulle persone in gioco. Ora, io personalmente non ho la minima fiducia dell'attuale PD, tanto più se rappresnetato da G.Coletti e T.D'Anchini, per tutta una serie di motivi che non vorrei spiegare qui. Ecco perchè ai miei amici dell'UDC, qualora me lo chiedessero, non consiglierei mai un'alleanza con il PD, nella misura in cui il PD ha quei dirigenti lì ed è rappresentata da quei consiglieri. Altra storia sarebbe un'avvicinamento con quel gruppo minoritario del PD a cui facevi riferimento e per il quale porto una grande stima. In quel caso cercheri al contrario di favorire un cammino che veda fianco a fianco l'udc e politici (diciamola questa parola) come te o altri che nel PD stimo per la loro capacità professionale e la statura morale e penso ad un avv.Serafini, al dott. D'Ottavio e così via. Ma ciò presupporrebbe che quel gruppo, te compreso, prenda la scelta forte di staccarsi da perosne e metodi che a noi non piacciono. E credo che in questo senso ci siamo intesi bene. Poi chiaramente non conosco bene cosa accada nell'UDC e quali idee stiano circolando negli ultimi tempi, dato che - è bene dirlo una volta per tutte - non sono dell'UDC, non ho la tessera nè sono mai stato ad una riunione di partito. Ho amici nell'UDC, punto. Se vogliamo - qui Gianni ha ragione - mi stuzicherebbe più la destra finiana, ma anche questi, credo, sono discorsi che lasciano il tempo che trovano: ciò che conta, dici bene Marco, è saper riunire le persona per bene e competenti affinchè si possa formare un gruppo di livello per riqualificare la città su ogni piano e rilanciare la cultura, l'economia e il turismo. E mi lusigna che, tra questi, tu abbia individuato anche me, tuttavia, come ti dicevo a voce, non credo di essere pronto per un'accentura di questo tipo e di poter offrire alla città qualcosa che la migliorerebbe. Questo è un punto importante: se non hai nulla da offrire alla città, cosa ti candidi a fare? Mi piacerebbe porre questa domanda a tanti. Però, Marco, tornando al discorso dell'ipotetico gruppo PD-UDC, per coalizzare queste perosne bisogna avere il coraggio di lasciarsi alla spalle determinati contenitori, anche quello del PD o della sinistra, alla quale, credo, tu sia troppo nostalgicamente legato. E' questo allora l'augurio e il consiglio che mi permetto di darvi: pensate ad un "terzo polo" che si contraddistingua per serietà, competenza e capacità. Oramai gli ortonesi sono stanchi delle solite facce: vogliono un rinnovamento di qualità. Perciò dovete puntare sulla qualità. Vi auguro di formare un gruppo di grande valore morale e professionale, perchè abbiamo davvero bisogno di una svolta di questo tipo.

Con affetto e stima
Andrea

Anonimo ha detto...

!!!!!!!!!!!!!!!!
????????????????
Qualcuno ha pensato di parlare anche agli elettori?

Anonimo ha detto...

Guarda che la denuncia è partita, poi è stata ritirata.

Gianni di Gregorio ha detto...

jajajaja

Anonimo ha detto...

Di Gregò, se vuoi dare un futuro alla tua lista civica ti conviene buttarti a "destra" ed appoggiare il futuro sindaco di Ortona Avv. Remo Di Martino.Altrimenti per non perdere e far perdere tempo a quei pochi gatti che ti vengono appresso ti conviene buttarti in cima di porto.
Il PD di Ortona è ormai alla frutta. Sta perdendo pezzi .L'UDC e terzo polo in pratica non esiste.L'IDV è una dipendence di G.Coletti e quindi non conta un c....
Pensaci bene Di Gregò , buttati a destra .

Gianni di Gregorio ha detto...

Grazie per il consiglio. Ci penserò molto seriamente, però con calma, perciò abbi pazienza e mettiti comodo.
Nel frattempo dai un bacione da parte mia al caro Remo.

Anonimo ha detto...

Ecco adesso cominci a ragionare bene.
Lascia prdere la sinistra perche' sono tutti asserviti a Coletti e sono destinati a perdere.
Rinnovate negli uomini il centro-destra (via Napoleone,Cieri,Fratino),presentate Remo sindaco di Ortona e le armate brancaleone di Coletti faranno l'ennesima brutta figura.
Come dice Andrea FiaMMA i pochi "buoni" del PD (Serafini,D'Ottavio e Di Sciullo)se ne staranno buoni buoni e lasceranno solo il Sen.COLETTI cadere nel burrone della ennesima sconfitta elettorale.
Forza Di Gregò sei sulla strada giusta. Liberiamo Ortona dalla presenza politica della famiglia Coletti.

Giovanna e Marcella ha detto...

Allora è vero ? Il Ciabottone si ricandida con il centro-sinistra.
Siamo a cavallo. Simo destinati a perdere all'infinito.
Mi appello all'Avv. Serafini che è persona seria : per pietà caro avvocato faglielo capire tu al Ciabottone che è meglio che se ne stia a casa sua. Ortona non lo vuole. Non è questione di partito o schieramento. Perderebbe pure se si candidasse con il Centro-destra .
Io e la mia amica speriamo che non si candidi e che Patto per Ortona appoggi il candidato del Centro-sinistra.

Andrea Fiamma ha detto...

>>>Guarda che la denuncia è partita, poi è stata ritirata

Gianlù ma ancora con questa storia vai girando? E firmati almeno, dimostreresti un po' di coraggio, come lo dimostriamo tutti noi che ci mettiamo nome e cognome. Ma capisco che così è più facile. E poi non capisci che ho le spalle larghe e non mi spavento delle tue minacce? Affronta gli altri sui temi, sulla professionalità e sull'onestà, sulla dialettica e sulla qualità, non a suon di minacce e con la prepotenza. Ma pensi che sia una foglia morta come i giovani con cui sei abituato a trattare? Non hai capito che questi mezzucci non funzionano? Ehehe vabbè, lasciamo perdere.

Sulla possibilità che Gianni vada a destra: mah, secondo me è del tutto impossibile. E forse questo è il limite di Patto per Ortona, ovvero il fatto che potrà pure presentarsi come terza via, terzo polo o quel che voi, ma alla fine tutti sanno che potrà andare solo a sinistra. Gioca al 99% contro l'1%, quindi, secondo me, un elettore di centrodestra che non sia legato a Gianni da amicizia personale o altro, non voterà Patto per Ortona. Poi magari sarei felice di sbagliarmi ed essere smentito; anzi, me lo auguro. :)

Andrea Fiamma ha detto...

Ho scritto un articolo sul PDN in cui ho citato anche questa discussione. Un caro saluto a tutti (Gianluca compreso)

http://andreafiamma.blogspot.com/2010/09/verso-il-pdn-una-rivoluzione.html

:)

Anonimo ha detto...

Visto come si propone Patto per Ortona penso che questa volta ti sbaglio caro Fiamma.
Di Gregorio è fin troppo furbo e non credo che muore dalla voglia di annegarsi insieme a Coletti.
Se il Centro-sinistra proporrà un'altro candidato sindaco allora credo che Patto per Ortona valuterà diversamente l'ipotesi di apparentamento.
Comunque lo giri il problema di Ortona si chiama COLETTI.

Gianni di Gregorio ha detto...

Considerato che é stato tirato in ballo più di una volta PATTO per ORTONA vorrei chiarire alcune cose importanti per evitare confusioni.
1 – PATTO per ORTONA é un movimento politico totalmente autonomo da partiti e schieramenti politici attuali. Sarebbe utile leggere il mio ultimo articolo su LA SVEGLIA, ancora in edicola: UNA TERZA ALTERNATIVA.
2 – Tra i nostri obiettivi c’é quello di cambiare l’attuale amministrazione, sia nella forma politica che nelle persone. Questo vuol dire che in nessun caso ci sarà collaborazione, apparentamenti o cose del genere con il PDL e suoi alleati.
3 – In nessun caso ci uniremo allo schieramento del Centrosinistra, indipendentemente dal Candidato Sindaco (in realtà non ci importa più di tanto chi sia), non perché siamo contrari, ma semplicemente perché vogliamo essere alternativi. Poi, in base allo sviluppo delle elezioni decideremo cosa fare e a che condizioni, naturalmente rispettando il mandato dei nostri elettori e nell’interesse della città.

Anonimo ha detto...

eheheh..di Gregò la tua politica puzza di muffa per non dire d'altro.
Ma non ti vergogni- " ..in base allo sviluppo delle elezioni decideremo cosa fare e a che condizioni(prezzo)..." sei peggio del peggio. Assomigli tanto a quei 20 mercenari parlamentari(venduti)e alla faccia degli stupidi elettori(che siamo noi).
L'essre stato un comunista non ti ha insegnato nulla . Vai per la tua strada perchè tu in politica non farai mai nulla, nemmeno ultimo.

Anonimo ha detto...

Fiamma ma tu saresti veramente disposto a votare Patto per Ortona?

Gianni di Gregorio ha detto...

Bastava dire che non sei d'accordo con le mie idee, sarebbe stato un commento più politico.

Anonimo ha detto...

Avrei detto così se se tu non eri quel Di Gregorio che ho apprezzato quando sei stato candidato sindaco.
In piazza e lo ricordo bene hai sostenuto che la politica è nobiltà che rifiuta il mercateggiamento ai fini del potere e dei "soldi". Oggi non hai una proposta ma solo l'obiettivo di contare e di far pesare (ossia stabilire un prezzo) il tuo appoggio. E non venirmi a dire come fanno tutti i politici che valuterai i programmi tanto sappiamo bene che i programmi sono aria fritta.
Sei uguale a Coletti, a Fratino e a tutti i politici che hanno rovinato la nostra città. Sei una delusione.
Viva l'astensionismo .

Andrea Fiamma ha detto...

Caro anonimo, mi spiace, ma non posso rispondere ad una cosa così delicata così in pubblico e senza guardare negli occhi a chi mi rivolgo (o conoscerne il norme). :)


All'astensionista: guarda non saprei ognuno può avere le idee che vuole, in particolare in merito a chi si presenta alla piazza come politico in grado di cambiare Ortona. Però, devo dire, credo che l'astensionismo sia la peggiore delle ipotesi perchè è un modo per buttarsi alle spalle i problemi. E' un po' la situazione dello struzzo, che cala la testa nella sabbia e poi, quando il pericolo è passato, può rialzarla e sentirsi in diritto/dovere di criticare e sparlare su chiunque. No, io credo che la prima cosa nella vita sia sapersi mettere in gioco in virtù di certi valori, che per me sono il coraggio e la sincerità di metterci la faccia e scegliere con responsbailità; anche se la scelta è difficile ed è un boccone amaro. Democrazia è partecipare nel bene e nel male. Un saluto.

Gianni di Gregorio ha detto...

Caro Anonimo, vedo che parli per sentito dire e non conosci i fatti. Puoi astenerti quanto vuoi, ma io comunque ti chiarisco alcune cose.
Di fatto ne sai ben poco di PATTO per ORTONA, considerando che non abbiamo ufficializzato granché e neanche sai chi ne fa parte. E’ difficile giudicare così. Io non sono PATTO per ORTONA, ne faccio parte ed esprimo le mie opinioni.
Leggiti, in alto a destra, CAMBIAMENTI STRUTTURALI POLITICI e AMMINISTRATIVI. Manca un pezzo che devo finire in questi giorni.
Questi argomenti, per esempio, sono una parte delle condizioni, ma c’é ne sono altri, soprattutto nell’aspetto sociale.
Non capisco cosa intendi per “soldi” ! Se solo avessi in banca i soldi che ho speso per la politica in 40 anni, ti assicuro che mi sentirei molto più tranquillo economicamente. Io non ho mai avuto una lira dalla politica, mai, zero lire o euro.
Il mio, o meglio il nostro di PATTO per ORTONA, appoggio é solo in base a certi principi politici e ti posso assicurare che non mi lascio convincere facilmente, né da Coletti né da nessun altro. E’ famosa la mia capa tosta.
Inoltre, a differenza di Fratino o Coletti, io non ho mai amministrato niente, perciò anche volendo non ho ancora avuto la possibilità di rovinare questa città. Dammi almeno un’occasione per farlo !
I programmi fatti in un certo modo sono aria fritta. Concordo con te. Infatti quando sono stato candidato non l’ho neanche presentato. Oggi é diverso, abbiamo una forza di persone competenti e possiamo presentare un programma, ma non nel modo classico, ma in un modo diverso, diciamo più concreto. Ci sono già argomenti su cui stiamo lavorando tra cui l’agricoltura ed il turismo. Vedrai.
Per ultimo: io personalmente non devo fare né il Sindaco, né l’assessore e né il Presidente di qualcosa. Questo punto é già chiaro a tutti. Farò qualcosa solo se é necessario, se richiesto.

Anonimo ha detto...

Secondo me,Fiamma,anche se fai tanto il politologo, scommetto un milione di euro che voterai Paolo CIERI, ovunque si schiererà, anche con Coletti.

Andrea Fiamma ha detto...

Ehi ehi piano, che politologo! Mi spiace se dò l'impressione di uno che si dà le arie, mi piace solo riflettere a mente aperta. Voterò Paolo? Beh, Paolo è mio amico ed è una persona per bene, spero e sono convinto che avrà molti voti; se tra questi ci sarà anche il mio? non lo so, vedremo tra un annetto cosa accadrà.

Marco Di Sciullo ha detto...

Caro Andrea, intanto mi scuso se solo ora sono riuscito a leggere il tuo post. Ti ringrazio delle belle parole che mi hai riservato.Voglio riprendere dal tuo ragionamento quando affermi che dovrei lasciarmi alle spalle determinati contenitori (PD e Sinistra) ai quali sono "nostalgicamente" legato.
Io ho una sola nostalgia ;l'aver perso la mia gioventù. Questo è il contenitore più importante e se non mi credi ora mi darai ragione tra 40 anni. In quel contenitore vi è di tutto. I primi amori,le prime passioni politiche,le amicizie indissolubili,i primi sogni, le prime speranze.
Da questo contenitore non mi separerò mai. La nostalgia che sento è per questo contenitore. Mentre non è nostalgia ma è amore per certi valori che il contenitore contiene.E questi valori li ho appresi negli ambienti che ho frequentato da giovane (Oratorio Salesiano e PCI).Certo , ad un giovane,oggi, tutto ciò può apparire quantomeno contraddittorio ma ti prego di credermi quanto ti dico che ho vissuto questa condizione(oggi in modo negativo e molto riduttivo definito cattocomunista) con grande gioia e serenità d'animo. Quei valori positivi(solidarietà,fraternità,onestà e amore e rispetto per il prossimo) che, sono certo, anche tu condividi. Alla mia età si riparte da queste poche e grandi cose. La storia ha ormai superato le ideologie (destra-sinistra) ma non le idealità le quali abitano nelle singole "cittadelle interiori" di ognuno e ciascuno di noi. E siccome sono un credente e confido nella Divina Provvidenza, ho la certezza che in ogni cittadella e, quindi, in ogni uomo vi è sempre accesa una fiammella alimentata da quei valori e da quelle idealità. Oggi il compito di voi giovani è quello di cercare, con animo sgombro dalle incrostazioni del passato , le cose che vi uniscono per costruire una società più "umana",cristianamente parlando.
Con affetto.

Vittorio Basti ha detto...

Caro Di Gregorio conosco Marco da tanti anni:Di lui ho sempre apprezzato la grande disponibilità all'ascolto e la grande umiltà. E' stato sempre disponibile a dare ascolto e considerazione alle ragioni degli altri. Sarebbe stato un ottimo politico ed un grande amministratore. Non sono mai riuscito a capire il perche' la sua parte politica non lo ha mai seriamente sostenuto. Un giorno gli lo chiesi e lui mi rispose con un sorriso dicendomi " non sono queste le cose importanti".
Peccato.

Anonimo ha detto...

Credo che la domanda vada girata ai dirigenti locali dei partiti di centro sinistra ( ex-PDS,DS,Ortona Democratica,PD, ecc..). A mio modesto avviso, Di Sciullo non è mai stato percepito come un leader della sinistra nonostante il cognome che porta. Molti concittadini, e io sono uno di essi, lo hanno sempre visto come un moderato e sicuramente molto più vicino ai valori della destra che non della sinistra.

Gianni di Gregorio ha detto...

Diciamo che Di Sciullo si é occupato più del suo lavoro che di politica. Capacità e correttezza sono indiscutibili. Ora potrebbe ricoprire ruoli importanti per la città, ma non sempre la politica ha la stessa logica della matematica, ci sono troppe variabili personali.
Una di queste variabili é il blocco del PD + suoi alleati.
Non fatemi ripetere la stessa storia ancora una volta ! ! !
E’ per questo che stò creando un movimento alternativo (PATTO per ORTONA) a tutto questo, con altre logiche politiche, dove é tutto aperto, tutto limpido, tutto chiaro.
Vedremo la risposta dei cittadini, incluso quella di Di Sciullo e dei suoi estimatori.

Anonimo ha detto...

Eheheh...sarebbe la quadratura del cerchio per Patto per Ortona. Un candidto sindaco come Marco Di Sciullo sarebbe più di un grattacapo sia per il centro-sinistra che per il centro-destra.
Dai che siete sulla buona strada.

Gianni di Gregorio ha detto...

Per me sarebbe meglio averlo a favore che contro, siamo pure parenti !

Andrea Fiamma ha detto...

Caro Marco, molte volte siamo stati d'accordo su ciò che scrivi e sai che per me quei valori a cui fai riferimento sono una vera guida e la bussola per ogni mio giorno - o, almeno, pretendono di esserlo. Tuttavia ora è tempo di passare all'azione e bisogna cinicamente saper leggere la concretezza della realtà. Tu dici di essere legato a valori che un certo contenitore ha portato dietro di sè per anni; il problema è che oggi - e soprattutto a Ortona - quel contenitore di sinistra o centro sinistra o PD (come vuoi) non ha più a riferimento quei valori lì, ma altri "valori" "umani troppo umani", che tutti conosciamo. Allora, Marco, due sono le strade: la prima è impegnarsi all'interno di quel contenitore per recuperare quella luce di speranze e buona politica che ti aveva abbagliato sin da giovane; questa è la strada che hai perseguito per anni, eppure, mi pare di capire, il tuo impegno all'interno del "contenitore" non ha prodotto risultati e, anzi, sembra essere stato per te un limite alla vita politica, come scrive il sig.Vittorio Basti. E, si badi, questa non è stata un'occasione persa soltanto per te personalmente, ma per tutta la città, che non ha potuto godere della dirigenza di una persona competente e di grandi valori umani. Dunque, torniamo al bivio: o, dicevo, ti impegni in quel contenitore per cambiarlo - e sembra oggi un impegno del tutto sterile - oppure l'altra via è abbandonarlo e contribuire a creare un nuovo alveo dove poter insieme coltivare l'aspirazione di una politica sana e dai grandi principi morali. Questo è il bivio. Capisco come posto in questi termini esso si riveli un problema gravoso, che richiede comunque una scelta importante e, a tratti, anche impopolare rispetto ad amicizie e compagni di vita politica, ma è un nodo che dovrai sciogliere a breve per il tuo e per il nostro futuro; dovrai far capire ai tuoi estimatori se vorrai continuare a startene in disparte scegliendo la prima strada, che, si è visto, non porta a nulla, o se vorrai contribuire a realizzare qualcosa per la nostra città. E dovrai scioglierlo presto, perchè le prossime elezioni si avvicinano (scusate la concretezza). Tuttavia se ti farai trovare impreparato dal tempo che scorre senza una de-cisione rapida e definitiva e non ti deciderai per la seconda strada, allora non potrai dire di esser messo in disparte, ma, permetti, di averlo scelto volontariamente: ora hai le chiavi in mano, dipende da te e dovrai fare presto. Quale via prenderai? Attendo, dunque, una chiamata "alle armi"! ;)

Anonimo ha detto...

Caro Fiamma per noi del PD Di Sciullo non rappresenta nulla o quasi. Se si candida a sindaco farà la fine del topo Tommaso Coletti se lo pappa.
Noi abbiamo il miglior uomo poltico abruzzese che si chiama Tommaso Coletti e ve ne accorgerete nelle prossime elezioni. Di Sciullo rappresenta solo se stesso e qualche povero ex-salesiano . Tommaso se lo mangia per antipasto.
Ma si andatevene tutti dalle p....,andatevene con la destra, noi non vi temiamo. Di Sciullo non è stato mai eletto a nulla e le persone che lo seguono sono solo dei sognatori filosofi che non hanno mai combinato nulla nella vita. Chiedete a Di Sciullo cosa ha fatto per Ortona. Tommaso invece sono 40 anni che si batte per Ortona ed oggi anche suo figlio continua quelle battaglie.
E con questo pensiamo di aver esaurito l'argomento Di Sciullo.

Gianni di Gregorio ha detto...

Ma si ! Una bella provocazione ci voleva di Sabato mattina, specialmente se viene da destra.

Andrea Fiamma ha detto...

Ehehe hai visto, Gianni?

Caro elettore/iscritto/altro del PD, credo che al contrario con questo messaggio stai aprendo sempre di più il tema e spero che Marco se ne accorga. A me, dico la verità, non stupisce quanto scrivi e credo che in democrazia sia bello discutere tra persone che, appunto, hanno valutazioni diverse in merito agli avvenimenti e alla politica. Dunque quanto scrivi su Tommaso Coletti e sul figlio (!!!) è normale per un elettore del PD, ma, me lo concederai, possiamo non pensarla tutti alla stessa maniera. Anzi, possiamo pensare, al contrario tuo, che di politici come lui a Ortona non ne vogliamo. Comunque una cosa soltanto mi ha fatto un attimo saltare dalla sedia ed è quando dici "povero ex salesiano" come un segno dispregiativo; e non mi stupisco per un qualche giudizio di valore, ma perchè lo stesso Tommaso Coletti, che tu esalti, proviene piuttosto dal mondo cattolico della ex-democrazia cristiana e, credo, che sia "rimasto" di centro-sinistra, della margherita. Insomma, non è che si stia trattando di un ex-comunista, quindi non capisco questo accenno alla provenienza "culturale", mettiamola così. In ogni caso, è bene che ognuno tragga le conseguenze opportune e spero che leggendo il tuo post le tragga anche Marco Di Sciullo.

Un caro saluto a tutti.

ShareThis

Related Posts with Thumbnails